sfondo-webinair_quad_Tavola disegno 1 copia 2

Consulenza e formazione in ambito
psicosociale – sanitario – educativo

Per psicologi – psicoterapeuti – assistenti sociali – medici – counselor – educatori

Per psicologi – psicoterapeuti – assistenti sociali – medici – counselor – educatori

offerta formativa

“PENSARE PER IPOTESI” NELL’INTERVENTO SOCIALE: COME COSTRUIRE UNA RELAZIONE DI AIUTO CARATTERIZZATA DA FLESSIBILITÀ E APERTURA

L’attenzione all’osservazione degli aspetti relazionali sia verbali che analogici ha una grande rilevanza soprattutto nei primi contatti con l’utente e la sua famiglia. Queste osservazioni risultano cruciali nella costruzione delle prime “rudimentali ipotesi” sulla domanda, sul passato dell’utente, nella predisposizione di una prima traccia valutativa, nella “prognosi sull’alleanza” di lavoro, nell’osservare congruità/incongruità della narrazione autobiografica.

Leggi Tutto »

PARLARE AI MINORI DALLE DIFFICILI STORIE FAMILIARI – GRUPPO SUPERVISIONE

Gli operatori psicosociali che lavorano con i bambini e gli adolescenti possono frequentemente trovarsi nella condizione di dover parlare loro di eventi e situazioni particolarmente complicate e dolorose, talvolta decisamente cruente e difficili da comprendere. In questi casi può facilmente emergere la tentazione di evitare di parlare al minore di tali argomenti, magari raccontando “pietose” bugie, o di farlo in modo così generico e vago da metterlo in condizione di non poter comprendere cosa realmente sia accaduto nella sua famiglia e nella sua vita. Tale atteggiamento è rinforzato e sostenuto da un comune sentire, diffuso tra gli adulti, che considera inopportuno affrontare con i bambini e gli adolescenti temi particolarmente dolorosi e perturbanti, basato sulla convinzione e sul pregiudizio che i bambini non capiscano e debbano essere protetti da informazioni eccessivamente dolorose.

Leggi Tutto »

L’INCONTRO DEGLI EDUCATORI CON LA SESSUALITÀ DI BAMBINI E ADOLESCENTI: CRITERI PER L’APPROPRIATEZZA DEGLI INTERVENTI

Il contatto quotidiano con bambini e con ragazzi pone spesso gli educatori di fronte a comportamenti sessualizzati che possono essere di difficile interpretazione e, conseguentemente, rendono difficile la decisione di come affrontarli. Le tematiche legate alla sessualità non hanno mai un carattere neutrale né per l’adulto né per il bambino/ragazzo. I professionisti, spesso in difficoltà nella gestione, possono essere reticenti nell’affrontare le situazioni rischiando di perdere preziose occasioni per entrare ancora più in relazione con i bambini e i ragazzi di cui hanno cura.

Leggi Tutto »

AL DI LÀ DI QUELLA PORTA: RITIRO SOCIALE ESTREMO E PSICOLOGO FUORI STUDIO

Un numero sempre maggiore di giovani ragazzi “sceglie” di ritirarsi dalle relazioni sociali e dalla scuola, e talvolta anche dal mondo virtuale.

Un fenomeno, ormai noto anche a molti professionisti in Italia e nel mondo, di cui si parla molto, soprattutto perché le modalità classiche di presa in carico (psicoterapia individuale, educativa, interventi familiari…) spesso si rivelano essere delle armi piuttosto spuntate.

Leggi Tutto »

LA VIDEO INTERACTION GUIDANCE (V.I.G.) NEL SOSTEGNO DELLA GENITORIALITÀ FRAGILE E NEL RINFORZO DELLE RELAZIONI EDUCATIVE

La V.I.G. (www.videointeractionguidance.net) è un modello d’intervento finalizzato a fare evolvere in senso positivo “relazioni significative” (genitore-figlio, partner-partner, caregiver-utente, insegnante-allievo) utilizzando sessioni di ripresa e video feedback.

Attraverso la video analisi delle “interazioni di successo” i clienti vengono supportati nel risolvere le loro difficoltà attuali e nell’aumentare la loro sensibilità e capacità di entrare in sintonia con l’altro.

Leggi Tutto »

TRAINING INIZIALE Video Interaction Guidance V.I.G.

Il Training Iniziale fornirà una presentazione della Video Interaction Guidance, delle sue origini teoriche e delle ragioni della sua efficacia.
La VIG si basa sulle teorie dell’attaccamento, dell’Intersoggettività (sviluppare, condividere, comprendere), dell’apprendimento mediato, della mentalizzazione e della psicologia positiva.

Leggi Tutto »

PARLARE AI MINORI DALLE DIFFICILI STORIE FAMILIARI

L’assunto che una buona conoscenza della propria storia personale sia un ingrediente importante per determinare una corretta crescita psicologica dell’individuo è ormai largamente condiviso dalla comunità scientifica. Gli studi effettuati hanno ampiamente sostenuto, con importanti supporti sperimentali, il positivo effetto strutturante e di integrazione della personalità che è dato dalla conoscenza della propria storia personale. Tale consapevolezza di sé è condizione fondamentale per poter avere un rapporto equilibrato con sé stessi e con gli altri. Infatti, se una persona non conosce i fatti importanti della sua vita e non viene aiutato a significarli correttamente, sarà portato ad operare delle “auto-mistificazioni” sui suoi stati interni, negandosi la possibilità di accedervi in modo autentico, con il risultato di acquisire delle modalità di funzionamento psichico alterate che lo condizioneranno nella capacità di stabilire relazioni affettivamente equilibrate.

Leggi Tutto »

L’ARTE DELL’AIUTO: COLTIVARE E ALIMENTARE IL DESIDERIO DI CAMBIAMENTO CON IL COACHING SISTEMICO

Nel lavoro di aiuto si incontrano persone con un’alta motivazione a mettersi in gioco e altre che invece vanno continuamente spinte avanti. Queste ultime mettono alla prova le nostre capacità, ma esistono alcuni approcci che possono essere integrati per aumentare l’efficacia della relazione di sostegno. Il coaching è uno di questi.

Il coaching è un processo di aiuto che, tramite l’aumento della consapevolezza delle persone, incrementa considerevolmente l’assunzione di responsabilità: “ciò che scopro e metto a fuoco io  mi motiva e impegna molto di più, rispetto a ciò che gli altri mi dicono di fare”.

La sua forza sta nel togliersi dalla posizione di dettare obiettivi, strategie, azioni, per mettersi invece a fianco del cliente (o utente) e lasciargli più margini di libertà.

Leggi Tutto »

Le “perdite ambigue”: linee guida per promuovere la resilienza

Vi sono molte situazioni in cui gli individui devono misurarsi con l’esperienza della perdita: un bambino che viene allontanato dai suoi genitori, un partner che interrompe la relazione di coppia, la morte di una persona cara… Alcune di queste perdite sono particolarmente difficili da affrontare in quanto caratterizzate dall’incertezza e dall’ambiguità: la persona cara non c’è più ma potrebbe tornare, ma il tempo passa e non è detto che tornerà. È importante che i professionisti che lavorano con persone che stanno vivendo questo tipo di condizioni abbiano una mappa concettuale per comprenderle e strumenti per intervenire…

Leggi Tutto »

L’AFFIDO A PARENTI. POTENZIALITÀ E LIMITI

La percentuale di minori affidati a parenti è, in Italia, pari a circa il 50% del totale, vale a dire circa 7.500 minori. In alcune regioni la proporzione è di due affidi a parenti ogni tre affidi realizzati Si tratta di una quantità sicuramente sottostimata considerando che in molti casi questa forma di affido non è conosciuta dalle istituzioni.

Leggi Tutto »

GLI INTERVENTI DI HOME VISITING COME STRUMENTO NELLA PREVENZIONE DEL MAL-TRATTAMENTO ALL’INFANZIA

Il corso formativo che proponiamo intende promuovere l’attivazione dell’Home Visiting (HV)  come metodologia privilegiata di intervento a sostegno della genitorialità vulnerabile. Suggerito dall’OMS come efficace strategia di prevenzione del maltrattamento infantile, l’HV è un programma di interventi centrato sul supporto alla relazione genitori figli fin dalla fine della gravidanza e realizzato prevalentemente nella casa. Rappresenta un’opportunità per il sistema integrato dei servizi attraverso una relazione di prossimità che si instaura con i genitori, all’interno di un progetto di aiuto più ampio che coinvolge servizi socio sanitari ed educativi.

 

Leggi Tutto »

Genitori coraggiosi: come proteggere i propri figli da tentazioni e influenze negative

Nel webinar Haim Omer ci parlerà del suo nuovo libro “Genitori coraggiosi”, pubblicato in Italia da Franco Angeli. La sua proposta è quella di AIUTARE I GENITORI a riguadagnare un ruolo di leadership nell’educazione dei figli, offrendo soluzioni per imparare ad evitare  comportamenti dannosi ed impulsivi; a trovare la forza ed il coraggio per agire quando necessario; a prevenire conflitti ed escalation e ad essere coinvolti in maniera sana e d equilibrata nella vita dei figli.

Leggi Tutto »

MINORENNI ACCOLTI E GIOVANI CARE LEAVERS: IL PERCORSO VERSO L’AUTONOMIA

Obiettivo dell’azione formativa è contribuire allo sviluppo e potenziamento delle competenze professionali degli operatori che lavorano con i “care leavers” (giovani in preparazione alla fase di dimissione e/o dimessi delle realtà di accoglienza e dell’affido familiare). Un processo che inizia sin dal momento in cui il ragazzo entra in un percorso di accoglienza etero-familiare, non come evento che si verifica immediatamente prima dell’uscita da tale percorso. Un percorso che è costituito da varie tappe e che deve prendere in considerazione strategie, strumenti e opportunità utili a rendere positive le immagini di futuro di questi giovani.

Leggi Tutto »

L’AFFIDAMENTO FAMILIARE TRA TEORIA E REALTÀ

L’affidamento familiare, disciplinato dalla legge 184/83, si propone come un intervento complesso e multilivello, pensato per tutelare i minori in difficoltà.

Nel corso degli anni, le diverse criticità emerse dall’applicazione della legge del 1983 hanno portato alla revisione di alcuni suoi articoli riguardanti, in particolare, questioni legate alla durata della permanenza del minore in una famiglia diversa da quella biologica, così come alle problematiche più specificamente attinenti alla continuità affettiva.

I dati più recenti sulla situazione post-affido dei minori rivelano che solo una limitata percentuale di minori è rientrata in famiglia; alcuni sono passati in collocamento preadottivo; altri, avendo raggiunto la maggiore età, hanno intrapreso un percorso di vita autonomo; di altri ancora non si hanno notizie o sono passati a forme differenti di collocamento extra-familiare.

Leggi Tutto »

Trauma e dissociazione: percorso di supervisione

Comprendere adeguatamente il funzionamento traumatico e dissociativo all’interno di un percorso di cura appare oggi imprescindibile. Le nuove scoperte e pubblicazioni scientifiche in merito alla neurofisiologia del cervello esposto a esperienze traumatiche, soprattutto se cumulative e precoci, induce ad acquisire sempre più competenza e conoscenza nel trattamento clinico ma anche nel modo migliore di gestire tali pazienti in ambito socio-sanitario ed educativo.

Leggi Tutto »

IL COACHING SISTEMICO: UNA RISORSA IN PIÙ NELLE RELAZIONI DI AIUTO

Il seminario tratterà l’argomento del “coaching”, con uno specifico approfondimento del coaching sistemico. Verrà introdotto a partire dalle sue origini in ambito sportivo, passando per il suo sviluppo successivo e il grande successo in ambito aziendale. Verranno illustrati i principi base del processo: il coaching si distingue da consulenza, formazione e psicoterapia, pur essendo anch’esso un’attività di aiuto al cliente.

Leggi Tutto »

Trauma e dissociazione: percorso di supervisione – Pazienti in età evolutiva

Comprendere adeguatamente il funzionamento traumatico e dissociativo all’interno di un percorso di cura appare oggi imprescindibile. Le nuove scoperte e pubblicazioni scientifiche in merito alla neurofisiologia del cervello esposto a esperienze traumatiche, soprattutto se cumulative e precoci, induce ad acquisire sempre più competenza e conoscenza nel trattamento clinico ma anche nel modo migliore di gestire tali pazienti in ambito socio-sanitario ed educativo.

Leggi Tutto »

CORSO: TRAINING INIZIALE V.I.G. – VIDEO INTERACTION GUIDANCE

Il Training Iniziale fornirà una presentazione della Video Interaction Guidance, delle sue origini teoriche e delle ragioni della sua efficacia. La VIG si basa sulle teorie dell’attaccamento, dell’Intersoggettività (sviluppare, condividere, comprendere), dell’apprendimento mediato, della mentalizzazione e della psicologia positiva.

Leggi Tutto »

lE NOTiZIE

tablet_riflessi

Contenuti digitali

Per tutti gli utenti registrati è possibile accedere
all’archivio dei webinar gratuiti!

Contenuti digitali

Per tutti gli utenti registrati è possibile accedere
all’archivio dei webinar gratuiti!

AGENZIA RIFLESSI

Formazione
Riflessi forma operatori dei servizi pubblici, del privato sociale e professionisti in campo psicologico, sociale ed educativo

Sistemi
Riflessi utilizza il modello sistemico-relazionale come riferimento scientifico per la gestione dei propri interventi formativi

Famiglia
Riflessi orienta la sua pratica a coinvolgere la famiglia come risorsa per la cura delle problematiche individuali e relazionali

Infanzia
Riflessi promuove l’applicazione dei più importanti contributi teorici nell’ambito dello sviluppo infantile e dell’attaccamento

Prevenzione e cura
Riflessi dedica da tempo molta attenzione alle buone prassi di prevenzione e cura del maltrattamento all’infanzia

RIFLESSI
è un agenzia di consulenza e formazione che opera in ambito psicosociale, sanitario ed educativo. Dal 21 Febbraio 2012 è Provider provvisorio ECM dell’albo Nazionale Provider, n 1413

RIFLESSI 
realizza iniziative formative: seminari, convegni, corsi, percorsi di aggiornamento rivolte agli operatori dei servizi pubblici e del privato sociale…
Leggi oltre…

Riflessi è partner di

Form di registrazione

Accedi

Non sei un utente registrato?